Eventi

Dai raduni ai grandi Rallies internazionali.

50° Anniversario Autodelta - Le leggende tornano in pista

Data: 
Da Sabato, 21 Settembre, 2013 a Domenica, 22 Settembre, 2013
Location: 
Autodromo Nazionale Monza

Il RIAR a Monza per il cinquantesimo AutodeltaUn evento imperdibile per tutti gli Alfisti. 21 - 22 settembre 2013 Le leggende tornano in pista: un grande evento per festeggiare il Cinquantesimo dell’Autodelta organizzato dal Registro Italiano Alfa Romeo International Club e da Automobilismo Storico Alfa Romeo, Museo di Arese.

L’appuntamento è il 21 e 22 settembre all’Autodromo Nazionale Monza, proprio su quegli asfalti che hanno visto nascere e crescere la leggenda sportiva e la passione della nostra amata Alfa Romeo. Per celebrare il mezzo secolo di vita di quello che per oltre vent’anni è stato il reparto corse del Biscione, non vi è modomigliore che riportare in pista – tutte assieme – le vetture che hanno corso, vinto e tenuta alta la bandiera dell’Alfa Romeosui circuiti e le strade di tutto in mondo, in ogni categoria. Dalle leggendarie Tipo 33 – che hanno dominato due Campionatidel Mondo – alle indimenticabili GTA. Dalle Giulia TZ e TZ2 alle Formula 1 e Formula Indy. Dalle monoposto di Formula 3e Formula Alfa Boxer alle Alfasud Trofeo. E l’elenco sarebbe ancora lungo, comprendendo vetture da Turismo, da Rally,Sport e GP. Tutte accomunate dal marchio orgogliosamente portato sul cofano e dalla passione con cui oggi i proprietarile custodiscono e mantengono in efficienza a conferma di uno stile e di una eccellenza tutti italiani. Provengono infatti da tutto il mondo le vetture che faranno riecheggiare sull’asfalto della “loro” Monza le sinfonie dei proprimotori. Con 4, 6, 8 o 12 cilindri ! Fianco a fianco – ruota a ruota – con i famosi esemplari del Museo Storico Alfa Romeo.E con loro, in questo evento eccezionale, anche le splendide vetture della Scuderia del Portello e del Museo Collezione“Cafè Velocità” del noto pilota e appassionato Gianni Giudici Per i partecipanti e gli appassionati sarà un grande evento, eccezionale e probabilmente irripetibile, per rivivere fortiemozioni insieme agli uomini e ai piloti dell’Alfa, di ieri e di oggi, per il pubblico un’occasione straordinaria per ammirare,vedere, sentire le Alfa Romeo da competizione che hanno scritto la storia dell’automobile. Tutte insieme e tutte nel lorohabitat naturale: la pista. Autodelta 1963 - 2013 Nata come società indipendente in collaborazione con l’Alfa Romeo, l’Autodelta diventerà in seguito un vero e proprioreparto corse per il Biscione ed accumulerà in poco più di dieci anni un immenso palmares in ogni categoria. Verrannocurati lo sviluppo, la gestione sportiva, l’assistenza ai clienti e la progettazione di nuove vetture da competizione. 1963. Dopo l’esperienza con l’ATS, Carlo Chiti, insieme ai fratelli Ludovico e Gianni Chizzola, decise di fondare una piccola società con sede a Feletto Umberto, nei pressi di Udine, al fine di collaborare con Alfa Romeo nella costruzione delleGiulia TZ.

Alfa Romeo era infatti intenzionata – per volontà di Giuseppe Luraghi – ad affidare all’esterno la costruzionee la gestione delle vetture da corsa, che sarebbero tornate in pista, dopo il ritiro della squadra ufficiale nel 1951, con ilCampionato del Mondo di Formula 1 vinto da Juan Manuel Fangio al volante della Tipo 159 “Alfetta”. Dopo aver utilizzato per poco tempo il nome “Delta-Auto”, il 5 Marzo 1963 Chiti e Ludovico Chizzola registrarono la nuovasocietà con il nome “Autodelta”. Al termine dell’incarico per la costruzione della TZ e TZ2, la collaborazione continuò per lagestione sportiva e per la preparazione delle vetture da competizione, mentre si avvicinava l’epoca delle GTA. Carlo Chitigodeva infatti di grande considerazione e influenza nei confronti dei vertici Alfa Romeo per la sua creatività e genialità. L’attività dell’Autodelta/Udine diveniva sempre più intensa e le difficoltà logistiche iniziavano a pesare sull’efficienza delrapporto con Alfa Romeo. Quindi nel 1965 Chiti trasferì l’Autodelta in alcuni – anonimi – capannoni a Settimo Milanese,poco lontano da Arese. Chizzola decise invece di abbandonare l’impresa e continuò a gestire la concessionaria di famigliaa Udine. L’anno successivo, il 14 Gennaio 1966, l’Autodelta fu acquisita dall’Alfa Romeo e Chiti divenne Direttore Generale diquello che, a tutti gli effetti, venne trasformato in un reparto corse della Casa.

Dopo i successi con la gestione delle TZ, ed in seguito delle GTA, all’Autodelta venne affidato lo sviluppo anche dellaneonata Tipo 33, che nel 1975 e 1977 vincerà il Campionato Mondiale Marche. L’Autodelta si occuperà, in seguito, dellagestione di tutti i programmi sportivi del Biscione, dal Trofeo Alfasud alla Formula 1. Saranno anni di successi, di speranze, di delusioni cocenti, ma comunque di grandi automobili, grandi sfide e veri campioni. Nel frattempo Autodelta era stata incaricata della costruzione di alcune versioni speciali, destinate ad una clientela dinicchia. Prima fra tutte la piccola serie di 33 Stradale, ma anche le GTV e le Giulietta sovralimentate, battezzate “Turbodelta”. Nel 1984 i consueti problemi finanziari, politici e sindacali uniti alle pesanti delusioni della F1 e alle fasi di venditadell’Alfa Romeo, impongono il cambiamento delle iniziative sportive della Casa. Carlo Chiti lascerà la società, due annidopo l’Autodelta verrà sciolta e i capannoni di Settimo Milanese, come buona parte del personale, daranno vita allanuova Alfa Corse. Foto di Sandro Bacchi e dei Soci RIAR Daniele Santarelli,Paolo Bellingardi,Armando Melocchi,Rodolfo Frausin.

Attachments: 
ALFAROMEO
Questo sito non utilizza cookie di profilazione, ma solo cookie tecnici propri e di terzi, anche legati alla presenza dei social plug-in.
Per saperne di più e disabilitare tutti o alcuni cookie cliccare qui.
Proseguendo la navigazione senza modificare le impostazioni o cliccando su "Accetto" si acconsente all’uso dei cookie.
Accetto
X